Carbonaro - black cod - Di Battista Food
17190
post-template-default,single,single-post,postid-17190,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,columns-4,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Carbonaro – black cod

Il carbonaro dell’Alaska  o Black cod è considerato il miglior “pesce bianco” al mondo, ha una polpa chiara, ad alto contenuto di grassi (quelli buoni) e una texture delicata. Amatissimo dai Giapponesi, è arrivato alla ribalta sulle tavole internazionali con un solo abbinamento e grazie ad un solo chef: Black Cod e miso, dello chef del ristorante Nobu, Nobu Matsuhisa.
 
 
Black Cod Miso, la ricetta
Il pesce viene marinato per tre giorni in un mix di mirin, sake, miso e zucchero, poi piastrato e servito su foglia di banano con gocce di miso e zenzero. Semplicemente delizioso, la versione di Nobu è la riproposizione moderna di un’antica ricetta giapponese chiamata kasuzuke, in cui i pesci e le verdure vengono marinati nei lieviti avanzati dalla produzione del sake prima di essere cotti alla griglia. Il risultato è un pesce cotto alla perfezione, saporito, morbido e croccante, veloce da preparare, e perfetto per incontrare (era il 1994!) il gusto anche di chi non apprezzava il sushi.

All’epoca il Black cod era persino economico negli States, ma quando si diffuse come moda in tutto il mondo, fuori e dentro i ristoranti giapponesi, il prezzo era oramai lievitato, consacrandolo definitivamente ad ingrediente dell’alta ristorazione.